Mercati e Finanza

luglio 19, 2018

EDIZIONE STRAORDINARIA – Nel segno della continuità

Fonte: traders-mag.it – 19/07/2018

Premessa

Durante il mese di Novembre vi abbiamo segnalato la possibilità di valutare un nuovo tipo di certificato (codice ISIN CH0387883520) che era stato ideato dalla società Svizzera Leonteq, in collaborazione con la società di gestione Svizzera Uptovalue Asset Management SA, con il preciso scopo di poter compensare, per chi lo avesse sottoscritto, delle eventuali minus-valenze che altrimenti entro la fine dell’anno fiscale 2017 sarebbero andate perse.

Raccomandazioni di Borsa? Certo, bisogna prenderci

Questo certificato aveva la caratteristica di staccare una maxi cedola del 17% in data 15 Dicembre 2017, per effettuare appunto la compensazione, e comunque poi di dare mensilmente un rendimento dello 0.25%  fino alla scadenza naturale del certificato che sarebbe dovuta essere il 15 Novembre 2022.

Dico sarebbe in quanto, il certificato, era stato strutturato con una base molto solida, poiché aveva come sottostante 4 colossi quotati sul Nasdaq, come NETFLIX , ALIBABA , APPLE e FACEBOOK  ed aveva anche una protezione del capitale fino ad una perdita del 30% su questi titoli.

Aveva anche la caratteristica di poter essere richiamato, ovvero rimborsato al prezzo di emissione, cioè 1.000, se tutti e 4 i tioli fossero stati sopra il prezzo iniziale di partenza del certificato, a partire dalla prima data di rilevazione utile, stabilita dal certificato, nella data del 16 Luglio 2018 e poi per ogni mese di durata del certificato stesso.

Ebbene, lo scorso 16 Luglio 2018 tutti e 4 i titoli del certificato erano sopra il prezzo iniziale, quindi alla prima data disponibile il certificato è stato, come si dice in gergo tecnico, RICHIAMATO.

Quindi è con molto piacere che vogliamo sottolineare come, chi avesse deciso di credere in questo certificato, ha potuto ottenere in 7 mesi un risultato FANTASTICO, in quanto oltre alla maxi cedola del 17% ha incassato altre 8 cedole da 0,25%, pari ad un rendimento del 2%, con un risultato complessivo del 19%, ed avere avuto la possibilità di compensare fiscalmente il rendimento.

Riteniamo che sia stato un investimento di grande efficacia.

Certificati innovativi, la scienza di sceglierli

Per dare  UN SEGNO DI CONTINUITA’ a questo importante risultato, abbiamo recentemente posto alla vostra attenzione, con un interessante webinar svoltosi nella giornata di Giovedì 5 Luglio sulla piattaforma webinar di TRADERS’, un altro certificato, che ha gli stessi interpreti per quanto riguarda la strutturazione ed il collocamento, che chiaramente presenta caratteristiche differenti, ma che riteniamo possano comunque essere molto interessanti in questa fase di mercato, determinato da forte volatilità sui mercati azionari e rendimenti sempre bassi sui mercati obbligazionari.

Questo certificato, con codice ISIN CH0419583239, per chi fosse interessato a valutarlo, ha come sottostante 3 titoli azionari del settore bancario dell’indice Italiano, ovvero FINECO S.p.A, UNICREDIT e INTESA SAN PAOLO, ed ha le seguenti caratteristiche:

Permette di incassare una cedola periodica, con effetto memoria dello 0,67% al mese dell’importo investito.

La condizione del pagamento della cedola è che nel giorno mensile di rilevazione per lo stacco cedola nessun titolo abbia perso più del 50% del suo valore dal prezzo iniziale rilevato. Se in un mese si verificasse tale evento, ma i mesi successivi i titoli tornassero sopra il 50% del loro valore, grazie all’effetto memoria il sottoscrittore recupererebbe le cedole non incassate precedentemente.

Il certificato ha una durata indicativa di 5 anni, in quanto è stato collocato il giorno 9 Luglio 2018 e scadrà il giorno 7 Luglio 2023. Anche sul rimborso del capitale ha una protezione del 50%, ovvero se alla scadenza prefissata nessun titolo ha perso più del 50% del suo valore, il certificato verrà rimborsato al prezzo di emissione, ovvero 1.000.

Ci permettiamo di dire che è una data indicativa in quanto, dal mese di Novembre 2018, ed esattamente il giorno 5, ci sarà la prima rilevazione del certificato, che, come quello che abbiamo citato sopra, se avrà tutti i titoli sopra il prezzo di rilevazione iniziale, potrà essere richiamato, con la possibilità quindi in pochi mesi di aver fatto incassare al potenziale sottoscrittore 4 cedole da 0,67%, con un rendimento del 2,68%.

Se non si dovesse verificare nel mese di Novembre, comunque in tutti i mesi di durata del certificato, quando ci sarà la rilevazione per lo stacco della cedola dello 0,67%, ci sarà sempre la possibilità di essere richiamato, anche con delle condizioni migliorative man mano che il certificato rimane in vita, infatti dal secondo anno verrà richiamato se anche i 3 titoli dovessero aver avuto una perdita del 5% del loro valore dalla data di rilevazione iniziale, al terzo anno del 10%, al quarto anno del 15% ed addirittura il quinto anno del 20%.

Riteniamo quindi che le caratteristiche appena elencate di questo certificato possano essere di grande interesse, come lo sono state quelle del certificato che si è chiuso, con grande successo, nella giornata di ieri.

Dalla Redazione di TRADERS’ Magazine

Cultura dei certificati

I certificati hanno costituito la svolta che ha fatto da ponte all’era dei tassi azzerati, offrendo nuove opportunità per gli investitori.
La Redazione Certificati di Traders’ Magazine ha elaborato l’articolo che è oggetto di questa edizione straordinaria. Tanto per informare i Lettori che non lo avessero già rilevato per proprio conto, che l’analisi di buona redditività fatta su un certificato presentato da Traders’ a dicembre si è rivelata particolarmente centrata.
E quindi, l’auspicio è che il nuovo certificato presentato nel webinar del 5 luglio scorso sulla nostra piattaforma segua le stesse orme.
La nostra Redazione seleziona molti titoli sul mercato, prima di pubblicare la propria opinione. Perché poi quando l’opinione diventa riscontrata dalla realtà, allora sappiamo che i nostri Lettori hanno avuto il meglio, che è quello che vogliamo anche noi.
Buona lettura con le ultime dal mondo dei certificati!

Maurizio Monti
Editore
Traders’ Magazine Italia
RIVEDI IL WEBINAR

Notizie Correlate